Utente Registrato

  Archivio

  Altro

  Aree del sito

  Login utente

Utente
Password
Ricordami
Non sei ancora registrato? Puoi farlo adesso!. Come utente registrato avrai diversi vantaggi come la gestione dei temi grafici, la possibilità di inviare notizie e commenti.

  Sottoscrivi NewLetter

Al momento non sei loggato, o non sei un utente registrato, ma puoi iscriverti alla nostra newsletter.



  Banner Free

      Sostieni
Mario Rossi Network

  Creative Commons

  Italian Web Awards



Area 51
Area dove accadono cose che...
Di seguito c'├Ę la lista degli articoli pubblicati per questo argomento.


Nome argomento: Area 51

Vedi tutti gli articoli di questo argomento.

Area 5111 settembre: dieci anni dopo siamo ancora nella notte
foto119polveriDieci anni non sono che un batter di ciglia dinanzi all’Eternità. Ma sono molti nella vita di una persona e possono significare molto nella storia. Nel 1804 Napoleone veniva incoronato imperatore in Notre Dame – che dieci anni prima, nel 1794, era stata trasformata in tempio della Dea Ragione –, e dieci anni dopo, a Fontainebleau, abdicava per ritirarsi all’isola d’Elba. Nel 1907, gli imperi russo e britannico, con l’assenso del sultano, e dei Kaiser di Austrungheria e di Germania, firmavano un patto per la spartizione del territorio persiano; dieci anni più tardi, nel fatidico e terribile 1917, l’impero czarista veniva cancellato mentre dei suoi quattro colleghi imperatori europei (il sultano compreso) di lì a un anno soltanto Giorgio V d’Inghilterra sarebbe rimasto sul trono.

Dieci anni fa assistemmo atterriti al crollo delle «Due Torri» di Manhattan e venimmo di lì a poco a sapere che quel terribile episodio era solo una parte, sia pure la più importante, di uno scenario terroristico che aveva seminato distruzione anche a Washington e nei cieli di Pennsylvania.

Inviato da : admin,  13 Ott 2011
continua... (17558 byte rimanenti) Stampa la notizia: 11 settembre: dieci anni dopo siamo ancora nella notte  Share/Save/Bookmark

Area 51Fedele Conti - Il suicidato di stato
Sono trascorsi esattamente cinque anni da quello sparo nella notte. Ammazzato un finanziare “speciale”, gia' in servizio nelle piazze bollenti di Catania, Napoli e Roma. Poi passato a Fondi, dove ha puntato i riflettori su cose che non doveva vedere.

Un giallo che piu' giallo non si puo'. Un pasticciaccio brutto, un mistero che pesa come un macigno, un dolore che per la fidanzata (si sarebbero sposati poche settimane dopo) e per i familiari non si placa, a cinque anni esatti dal quel tragico 26 settembre 2006. Ma per la magistratura tutto ok: caso chiuso, archiviato, una seconda pietra tombale e basta. Nessuna giustizia, nessuna pista investigativa percorsa con serieta': anzi, lo schiaffo di una robetta da poco, il “suicidio” di un debole di mente per “motivi passionali”. Morto due volte.
Si chiamava Fedele Conti. “Morto” con un colpo di pistola nella notte tra il 26 e il 27 settembre 2006 nella caserma della guardia di finanza a Fondi. Vi era arrivato da appena due mesi. Il tempo giusto per ficcare il naso dove non avrebbe dovuto. In affari sporchi, in business arcimilionari, come poi dimostreranno le successive inchieste della magistratura sulla connection politico-malavitose che ruotano intorno al comune di Fondi, miracolosamente “non sciolto” ma super infiltrato da mafie, 'ndranghete e camorre d'ogni sorta, tutte intorno al Grande MOF, ovvero il Mercato Ortofrutticolo di Fondi, uno dei piu' macroscopici esempi di riciclaggio spinto al Sud.
Inviato da : admin,  22 Set 2011
continua... (9407 byte rimanenti) Stampa la notizia: Fedele Conti - Il suicidato di stato  Share/Save/Bookmark

Area 51Falcone e i massoni
L'ultima sentenza della Cassazione contro “Aiello Michele ed altri”, la cosiddetta sentenza Cuffaro, offre un altro importante tassello alla verita' su quella che impropriamente e' stata definita, in un linguaggio giornalistico fuorviante, “la trattativa” tra Stato e Mafia. Tale linguaggio induce a ritenere che lo Stato abbia “trattato” per impedire che venissero commesse altre stragi oltre quelle che avevano gia' insanguinato Palermo, Milano, Roma e Firenze. In questo caso, chiunque dovrebbe riconoscere che il tentativo di fermare la mano omicida di Toto' Riina e complici, discutibile sul piano morale, era apprezzabile al fine di evitare altre stragi dopo quelle gia' inflitte allo Stato e ai suoi massimi rappresentanti, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, e alle loro scorte di uomini e donne coraggiosi.
Ma i fatti, a ben vedere, stanno in maniera molto diversa. E questo risulta in modo plastico dalla sentenza dell'Addaura, cui segue la sentenza Cuffaro, opera di quel maestro di diritto ed inflessibile garante di legalita' che e' il giudice Antonio Esposito, relatore di entrambe le sentenze. Invertendo una ormai superata tendenza a vanificare il prezioso e duro lavoro dei magistrati di merito, negli ultimi tempi la Suprema Corte ha riconosciuto la legittimita' e la fondatezza delle sentenze dei magistrati di Palermo e di Caltanissetta su due vicende cruciali nella lotta alla mafia.
Inviato da : admin,  13 Set 2011
continua... (11591 byte rimanenti) Stampa la notizia: Falcone e i massoni  Share/Save/Bookmark

Area 51La destabilizzazione della Siria e la guerra del grande Medio Oriente
globalresearch.caCiò che si sta svolgendo in Siria è una insurrezione armata, sostenuta segretamente da potenze straniere tra cui Stati Uniti, Turchia e Israele.  

Insorti armati, appartenenti ad organizzazioni islamiste hanno attraversato il confine con la Turchia, Libano e Giordania. Il Dipartimento di Stato statunitense ha confermato che sostiene l’insurrezione. Gli Stati Uniti ampliano i contatti con i siriani che contano sul cambiamento di regime nel paese. Lo ha detto la funzionaria del Dipartimento di Stato USA Victoria Nuland. “Abbiamo iniziato a espandere i contatti con i siriani che chiedono il cambiamento, sia all’interno che all’esterno del paese“, ha detto.

Nuland ha anche ripetuto che Barack Obama aveva già invitato il presidente siriano Bashar Assad ad avviare le riforme o a dimettersi dal potere.” (Voce della Russia, 17 giugno 2011)

Inviato da : admin,  11 Ago 2011
continua... (19690 byte rimanenti) Stampa la notizia: La destabilizzazione della Siria e la guerra del grande Medio Oriente  Share/Save/Bookmark

Area 51
globalresearch.caVi è l’evidenza di gravi manipolazioni e falsificazioni dei media, fin dall’inizio del movimento di protesta nel sud della Siria, il 17 marzo. I media occidentali hanno presentato gli avvenimenti in Siria come parte del più ampio movimento di protesta pro-democrazia araba, che si diffonde spontaneamente dalla Tunisia all’Egitto, dalla Libia alla Siria.

La copertura mediatica è concentrata sulla polizia e le forze armate siriana, che sono accusate di sparare e uccidere indiscriminatamente manifestanti disarmati “pro-democrazia“. Mentre queste sparatorie della polizia si sono effettivamente verificate, ciò che i media non hanno menzionato è che tra i manifestanti c’erano uomini armati e cecchini che sparavano sia alle forze di sicurezza che ai manifestanti. Le cifre dei morti presentate nelle relazioni, sono spesso prive di fondamento. Molte delle relazioni sono “secondo i testimoni“. Le immagini e i filmati video mandati in onda su Al Jazeera e CNN, non sempre corrispondono agli eventi che vengono coperti dai notiziari.
Inviato da : admin,  04 Ago 2011
continua... (23336 byte rimanenti) Stampa la notizia:   Share/Save/Bookmark

Area 51Chi era Usama Bin Ladin?
globalresearch.caA poche ore dall’attacco terroristico al World Trade Center e al Pentagono, l’amministrazione Bush concludeva, senza prove a supporto, che “Usama bin Ladin e la sua organizzazione al-Qaida sono i maggiori sospettati“. Il direttore della CIA George Tenet aveva dichiarato che Bin Ladin ha la capacità di pianificare un “attacco multiplo con o senza avvertimento.” Il Segretario di Stato Colin Powell aveva definito gli attacchi “un’azione di guerra” e il presidente Bush confermava in intervista televisiva serale rivolta alla Nazione, che non avrebbe “fatto distinzione tra i terroristi che hanno commesso questi atti e quelli che li ospitano“. L’ex-direttore della CIA, James Woolsey, puntava il dito sugli “stati sponsor“, implicando la complicità di uno o più governi esteri. Nelle parole dell’ex consigliere della Sicurezza Nazionale, Lawrence Eagleburger, “Io penso che dovremo mostrare che quando siamo attaccati in questo modo, dovremmo essere terribili nella nostra forza e nella nostra risposta.” Tuttavia, riprendendo le dichiarazioni ufficiali, il mantra dei media occidentali ha approvato il lancio delle “azioni punitive” dirette contro obiettivi civili in Medio Oriente. Nelle parole di William Saffire, scritte sul New York Times: “Quando avremo ragionevolmente individuato i campi e le basi dei nostri aggressori, dovremo polverizzarli, minimizzando ma accettando il rischio di danni collaterali, e con atti aperti o occulti destabilizzare le nazioni ospitanti i terroristi“.
Inviato da : admin,  28 Lug 2011
continua... (19696 byte rimanenti) Stampa la notizia: Chi era Usama Bin Ladin?  Share/Save/Bookmark

Area 517/7 Ripple Effect - sottotitoli italiano
7/7 Ripple Effect - sottotitoli italianoPer quanto riguarda gli attentati terroristici a Londra del 7/7/2005, andiamo ad esaminare i fatti, e ciò che ci è stato detto, e confrontiamoli. Quindi, utilizzando i Rasoio di Occam e comune buon senso, dobbiamo vedere quali sono le conclusioni da trarre, in modo che tutti possano capire cosa è probabilmente accaduto veramente quel giorno.
Inviato da : admin,  07 Lug 2011
continua... (755 byte rimanenti) Stampa la notizia: 7/7 Ripple Effect - sottotitoli italiano  Share/Save/Bookmark

Area 51UnDC9
gruppo FaremondoPresentato dal gruppo Faremondo in collaborazione con le compagnie teatrali "Viola a Ciocche" e "Lo Stabile della Luna"

Scritto e interpretato da: Gabriele Ciampichetti, Rita Felicetti e Alex Turra
Regia di: Gabriele Ciampichetti

Introduzione di Emanuele Montagna (scrittore e saggista, gruppo Faremondo)
Inviato da : admin,  27 Giu 2011
continua... (982 byte rimanenti) Stampa la notizia: UnDC9  Share/Save/Bookmark

Area 51
Attentato al Papa - ChiarelettereAttentato al Papa "Il mistero Ali Agca, la scomparsa di Emanuela Orlandi, la strage delle guardie svizzere. Il più grande intrigo tra le mura vaticane"

Che storia! Vale la pena provare a ricostruirla, tutta. Vi sono coinvolti ben sei paesi (Francia, Bulgaria, Russia, Germania, Turchia, Polonia), un killer, Ali Agca, l'attentatore del papa (altri suoi obiettivi Bourguiba, Walesa, Dom Mintoff, Khomeini) che dice di essere Gesù Cristo. Un bel gruppo di spie (monsignori, cardinali e persino guardie svizzere) che s'infiltrano nelle stanze del papa, due giudici bulgari che giudici non sono e anzi sono ritenuti i due organizzatori del sequestro nel 1983 di Emanuela Orlandi, strumento inconsapevole del terrorismo internazionale.
Inviato da : admin,  22 Giu 2011
continua... (1040 byte rimanenti) Stampa la notizia:   Share/Save/Bookmark

Area 51David Icke - E' tempo di scegliere - II e III parte
Inviato da : admin,  13 Giu 2011
continua... (1127 byte rimanenti) Stampa la notizia: David Icke - E' tempo di scegliere - II e III parte  Share/Save/Bookmark

Un altro progetto MAX s.o.s.

Crediti Powered by MAXdev